La medicina tradizionale tibetana

2014-12-24 09:33:46    

Da ciò risulta che nell'antichità la medicina tibetana possedeva già una conoscenza piuttosto scientifica del corpo umano.


Le particolari terapie della medicina tibetana.

Cura con farmaci

Per curare le malattie con i farmaci, i medici tibetani propongono l'utilizzo di vettori, in modo da guidare i farmaci nel sito da curare, ad esempio lo zucchero bianco serve da vettore per curare le malattie puramente “calde”, mentre lo zucchero di canna da vettore per curare le malattie “fredde”.

Oltre ai vettori, la medicina tibetana presta attenzione al metodo di assunzione dei farmaci, ad esempio le pillole vanno assunte con acqua tiepida, i farmaci per curare le malattie “fredde” con acqua calda e quelli per curare le malattie “calde” con acqua fredda, mentre i farmaci per le malattie miste necessitano di acqua tiepida.

Cura con la moxibustione

Il materiale principale della moxibustione secondo la medicina tibetana è l'Artemisia Indica. Attualmente la moxibustione viene usata generalmente per le malattie fredde, in particolare debolezza di stomaco, indigestione e alcuni gonfiori, neuropatia e così via. La moxibustione tibetana viene effettuata su punti fissi del corpo.

Cura col vomitoLa cura

col vomito indica l'assunzione di farmaci per procurare il vomito. La cura è adeguata all'indigestione, intossicazione alimentare e alla presenza di parassiti nell'addome, di vari tipi di “Peighen” e di espettorato rossastro o grigio. Tuttavia il metodo è controindicato per i deboli, gli anziani, le donne gravide ed i bambini. Se i generi alimentari tossici sono stati ingeriti da tempo, il ricorso alla cura è inutile.Cura con l'applicazione di erbe medicinali.

L'applicazione di erbe medicinali costituisce un metodo piuttosto particolare della medicina tibetana, perchè è una cura di malattie interne con l'applicazione esterna di erbe. La cura è semplice e facile, perciò è molto diffusa tra la popolazione. Secondo la medicina tibetana, l'applicazione di erbe medicinali ha un valore ricostituente per il fisico. E' utile alla cura della pelle ruvida, dell'anemia da emorragia, del deperimento nervoso, della stanchezza eccessiva, dell'insonnia e così via. In questi casi sono usati generalmente unguenti e pomate.

Cura con bagni medicinali

La cura con bagni medicinali della medicina tibetana è una particolare cura naturale. Le acque termali sono generalmente solforose, della Pietra fredda, di allume, di sterco secco di Trogopterus xanthipes e calcaree.

I bagni medicinali sono suddivisi in due tipi: bagno in acqua e applicazione. La cura del bagno in acqua indica le cinque acque termali naturali adeguate alle corrispondenti malattie di tipo caldo; l'applicazione indica l'inserimento di preparati medicinali in borsette di cotone da portare sulla posizione malata.