La storia del Potala

2014-12-24 11:18:30    

Sul misterioso altopiano Qinghai-Tibet sorge il gruppo di edifici di stile di palazzo posto alla massima altezza sul livello del mare e di maggiore dimensione al mondo: si tratta del grandioso e magnifico palazzo-fortezza del Buddismo tibetano-il Potala.

Il Potala fu costruito nel settimo secolo a.C. dal re tibetano Songzanganbu per le sue nozze con la principessa Wencheng della dinastia Tang. Il “Potala” è una translitterazione dal sanscrito, ed è anche tradotto come “Putuoluo” o “Putuo”, ossia l'isola dove risiede il Bodhisattva Guanyin, quindi l'edificio è anche chiamato il “secondo monte Putuoluo”. Il Potala si erge in cima al Monte Rosso (Mapori) di Lhasa, ad un'altezza di 3700 metri. Costruito lungo il declivio, occupa una superficie di oltre 360 mila mq, ed è composto dal Palazzo rosso e dal Palazzo bianco, il primo posto al centro e il secondo ai due lati, con un intreccio di rosso e bianco e una sovrapposizione di edifici dall' aspetto maestoso.

Al centro del Potala, cioè nel punto più alto del Monte Rosso, si trova la sala di meditazione di Songzanganbu. E' una sala buddista del tipo a grotta, con all'interno le statue di Songzanganbu, della principessa Wencheng, della principessa nepalese Chizong e del ministro Lu Dongzan, tutte preziose opere artistiche dell'epoca Tubo, nel settimo secolo.

La storia del Potala

Nella figura: le statue di Songzanganbu e della principessa Wencheng

Il Potala è un tipico palazzo-fortezza del buddismo tibetano, mantenendo nel contempo le caratteristiche delle travi dipinte e scolpite dell'architettura Han. Il Potala è un'impronta lasciata dalle nozze tra l'etnia tibetana e l'etnia Han di oltre 1300 anni fa, nonchè la prova storica della solidarietà fra i Tibetani e gli Han. Questa bella storia di oltre 1300 anni è ancora diffusa fra i Tibetani e gli Han.

Nel settimo secolo d. C. il Tibet si trovava sotto il regno dei Tubo. Il re tibetano Songzanganbu si impegnava a fondo negli affari statali ed amava il suo popolo, per cui il regno si fece sempre più forte. Per allacciare rapporti di amicizia con la dinastia Tang, nella Cina centrale, ed introdurre le sue avanzate tecnologie e cultura egli decise di chiedere in sposa la principessa Wencheng della dinastia Tang. L'inviato incaricato della richiesta di matrimonio Lu Dongzan si recò con i regali a Changan, capitale della dinastia Tang. Giunto nella città seppe che anche altri stati circostanti avevano mandato inviati a chiedere in sposa la principessa Wencheng. L'imperatore Tang Taizong decise di far partecipare gli inviati dei vari stati ad una gara di intelligenza. Egli avanzò tre prove e solo chi le risolveva tutte poteva chiedere la principessa in sposa.

La prima prova era: nel giardino ci sono dieci tronchi d'albero, uguali come diametro alle due estremità e gli inviati dovevano distinguere qual'era la parte della radice e quale quella del fogliame. Lu Dongzan, molto sveglio, inserì il tronco nell'acqua, riuscendo a distinguere la parte della radice da quella del fogliame perchè la densità della parte della prima è alta, quindi questa propende verso il fondo dell'acqua.

L'imperatore Tang Taizong avanzò la seconda prova: fece portare una giada attraversata al centro da un piccolissimo foro con nove curve, invitando gli inviati a far passare un filo sottile attraverso le estremità del foro. Con gli occhi socchiusi, questi cercavano di far passare il filo nel foro, mentre Lu Dongzan fece una cosa straordinaria: spalmò del miele ad un'estremità del foro, legò il filo alla vita di una formica e la pose all'altra estremità. Percepito l'odore del miele, la formica cominciò a strisciare verso il foro, mentre Lu Dongzan soffiava incessantemente verso il foro sollecitando la formica ad avanzare: quindi la formica portò il filo sottile all'altra estremità e Lu Dongzan risultò un'altra volta vittorioso.