L’uccisione di tre guerrieri con due pesche

2014-12-24 11:42:39    

Nella Cina del 7°secolo a.C. coesistevano molti principati. Nello Stato di Qi I tre guerrieri Tian Kaiqiang, Gu yezi e Gongsun Jie, coraggiosi e intepidi, erano chiamnti i “tre paladini” ed erana prediletti dal re. Pian piano, I tre divennero arroganti, comportandosi da despoti. Approfittando dell'occasione, il cospiratore Chen Wuyu pensò di corrompere itre guerrieri per rovesciare il re de impadronirsi del potere.

Vedendo espandersi le forze del male, il primo ministro di Qi Yan Ying era in gran pena. Per la sicurezza del paese, decise di cercare un'occasione di eliminare I tre guerrieri. Tuttavia un letterato come lui come poteva uccidere i tre guerrieri fidati del re? Un giorno il re di Lu, uno Stato vicino a Qi, venne in visita. Il re di Qi accolse lui ed il seguito con un banchetto, a cui parteciparono anche Yan Ying, i tre guerrieri e funzionari civili e militari. Vedendo l'atteggiamento arrogante dei tre guerrieri, Yan Ying ebbe un'idea. Quando il banchetto era ormai a metà, chiese al re di poter cogliere alcune pesche nel giardino per offrirle agli ospiti. Il re acconsentì. Quindi Yan Ying andò nel giardino e close sei pesche. Due andarono ai due re, due ai primi ministri dei due principati, mentre ne rimanevano ancora due. Yan Ying consigliò al re che I funzionari civili e militari illustrassero i propri meriti e che le pesche fossero assegnate a chi primeggiava.

Il re ritenne che l'idea di Yan Ying fosse in grado di aumentare l'atmosfera di festa del banchetto, quindi chiese ai funzionari civili e militari di esporre i propri meriti. Uno dei tre guerrieri, Gongsun Jie, si alzò per primo dicendo:” Una volta sono andato a caccia in compagnia del re, uccidendo una tigre e togliendo il re dagli impicci, non è un gran merito?” Yan Ying rispose: “E' un gran merito, deve essere ricompensato!” Quindi il re consegnò una pesca a Gongsun Jie, che fu molto soddisfatto.

Vista la situazione, un altro dei tre guerrieri, Gu Yezi, si affrettò a dire: “Uccidere una tigre non è nulla. Una volta ha ucciso una grande tartaruga fra le enormi ondate del Fiume Giallo per salvarre la vita del re, questo merito non è inferiore a quello di Gongsu Jie!” Il re lo ritenne giusto, quindi gli assegnò l'ultima pesca.

A quel punto, l'ultimo dei tre, Tian Kaiqiang, non riusciva più a star seduto. Allora raccontò come avesse attaccato i paesi nemici e catturato più di 500 avversari, com un enorme merito per il paese. Poi chiese al re se il suo merito fosse sufficiente. Il re non potè che consolarlo: “Il tuo merito è davvero grande, ma hai parlato troppo tardi, non ci sono più pesche, ti ricompenserò la prossima volta!”

Tian Kaiqiang non volle saperne, ritenendo che il suo merito di guerra fosse stato trattato con freddezza, e vedendosi umiliato in pubblico, furioso, si tagliò sul posto la gola con la spada. In questa situazione, il primo guerriero Gongsun Jie sguainò a sua volta la spada dicendo:”Sono stato premiato per un piccolo merito, il generale Tian, con maggiori meriti, non lo è stato, questo non è ragionevole!” Così dicendo si tagliò a sua volta la gola con la spada. Il guerriero rimasto, Gu Yezi, si alzò dicendo: “Abbiamo giurato di vivere e morire insieme, oggi loro due sono morti, come posso vivere da solo?” Detto ciò, si uccise a sua volta.

Così parlando, itre guerrieri si erano uccisi, senza che il re di Qi avesse il tempo di impedirlo. Gli ospiti erano atterriti. Con la sua intelligenza, grazie a due pesche, Yan Ying riuscì così ad eliminare i tre valorosi guerrieri e a sradicare ingegnosamento un pericolo latente per il paese.