La cultura del tè

2014-12-24 13:50:16    

La Cina è la culla e il paese del tè. Oggi, il tè non è più soltanto una bevanda dissetante, ruolo principale che ha ricoperto fin dalla sua scoperta ma, cosa più importante, permette di soddisfare alcuni bisogni spirituali, di offrire la propria amicizia e di esprimere sentimenti personali.In Cina, la scoperta della pianta del tè e il fatto di berne l'infuso, risalirebbero a più di 4000 anni fa. La comparsa e l'evoluzione di questa pianta avrebbero avuto un rapporto con la geografia, il clima e la flora dell'antichità. In seguito a ricerche sistematiche sulla comparsa, l'evoluzione e la ripartizione della vegetazione in Cina secondo i periodi geologici, i botanici cinesi hanno individuato il luogo di nascita della pianta del tè nel sud-ovest della Cina.

Secondo un'analisi storica la zona di coltura si sarebbe estesa per via terrestre e per via fluviale e marittima. All'inizio l'espansione della zona di coltura del tè avrebbe avuto rapporto con le guerre e gli spostamenti delle popolazioni. Prima del Periodo delle Primavere e Autunni , con eccezione della regione del sud-ovest, la produzione del tè era inesistente. Dopo la dinastia degli Han Occidentali , quando Zhang Qian, un inviato della Corte, aprì la strada verso l'Occidente, la famosa via della Seta collegò la Cina ai Paesi occidentali. Nel XII secolo, Chang'an, già capitale della dinastia dei Tang, era una città importante sul piano degli scambi culturali ed economici mondiali. In quell'epoca, nelle province centrali della Cina, bere il tè divenne poco a poco di moda. Il tè era uno degli articoli di uso corrente delle etnie del nord-ovest ed iniziò ad essere trasportato probabilmente in Asia centrale, occidentale e sud-occidentale. Le opere sul tè sono innumerevoli, ma è fondamentale menzionare l'opera di Lu Yu (733-804) che influenzò profondamente la produzione e la popolarità del tè cinese. Per tutta la sua vita quest'uomo ha adorato il tè e il suo Classico del tè è celebre nel mondo. Il suo importante contributo allo sviluppo del tè in Cina e nel mondo gli fece ottenere il titolo onorifico di «Immortale del tè» e di "Saggio del tè».

Il Classico del tè è un'opera in tre volumi di dieci capitoli che presenta in modo approfondito la coltura, l'evoluzione, la situazione dell'epoca, la tecnica, il servizio e la teoria del tè e che descrive perfettamente l'unione della situazione sociale e dei sentimenti umani e l'atmosfera cordiale e amichevole che si crea grazie alla cultura del tè in cui l'essere umano vive in perfetta armonia.

I Cinesi danno molta importanza alla cortesia nel momento in cui le persone fanno visita. Offrire una tazza di tè per accogliere i visitatori è un rito tradizionale. Lasciare ripartire qualcuno senza avergliene offerta una tazza viene considerato un'offesa. Un tempo, i poveri che non potevano comperare del tè offrivano dell'acqua bollita tenuta al caldo, soprannominata "tè bianco".

La fama dei tè corrisponde sovente alle condizioni geografiche, storiche e culturali, dipende inoltre dalla forma particolare, dal colore, dal sapore e dal trattamento speciale delle loro foglie. In epoche differenti sono nati differenti tè celebri: il tè verde Longjing, prodotto nel villaggio omonimo vicino allo Xihu (Lago dell'Ovest), a Hangzhou, considerata in Cina come uno dei paradisi sulla terra; il tè nero dei monti Wuyi, la cui varietà più celebre è il tè Wulong, uno dei tre grandi tipi di tè del mondo; il tè Yunwu dei Monti Lushan, caratteristico dei tè di alta montagna e che presenta grosse foglie verdi che emanano un aroma fragrante; il tè verde Biluochun di Suzhou, coltivato nelle isole del lago Taihu e colto all'equinozio di primavera, è conosciuto per la finezza del suo trattamento e lo stile particolare del suo colore, del suo aroma e del suo sapore. Altri tipi di tè sono ugualmente rinomati, quali il Tieguanyin di Anxi, un'altra varietà di tè Wulong, il Maofeng, dei monti Huangshan, il Qihong, dell'Anhui, il Focha di Putuo, uno dei quattro monti sacri del Buddhismo cinese.

Inizialmente, per degustare il tè, si utilizzavano degli utensili comuni. Con il diffondersi di questa usanza, apparve un servizio speciale da tè, composto da teiera, tazze da tè, vassoio ecc. Il servizio da tè cinese ha una lunga storia ed è legato allo sviluppo del vasellame. Un tempo, il tè era considerato una specie di verdura che si cuoceva comunemente in un utensile ordinario. Con il formarsi di una nicchia sociale oziosa, si incoraggiò la degustazione del tè e del vino, moda che diede origine a una nuova domanda per il servizio da tè, per cui apparvero utensili speciali che servivano a conservare, cuocere e degustare il tè. Sotto i Ming e i Qing la preparazione del tè si semplificò progressivamente, come pure gli utensili utilizzati, ma tale semplificazione d'altro canto richiese la qualità del servizio da tè, soprattutto quello della teiera e della tazza. Una buona teiera rifletteva bene il tempo, la moda e la cultura dell'epoca. A metà della dinastia Ming, per mettere in infusione del tè era consuetudine utilizzare una teiera di argilla speciale rossa o di porcellana. Anche oggi un servizio da tè è solitamente fabbricato in terracotta o in porcellana, ma si utilizza anche vetro, metallo, bambù, giada o agata.