Il Bili sottile

2014-12-25 09:08:49    

Il Bili sottile è uno strumento musicale popolare molto diffuso presso l'etnia coreana, specialmente nella circoscrizione autonoma di Yanbian, nella provincia del Jilin, e in altre aree dove questa si concentra. Il Bili sottile ha un suono luminoso ed un timbro alto e forte, ed è ricco delle caratteristiche dell'etnia.

Derivato dal Bili antico, il Bili sottile ha una lunga storia. È composto da due parti: l'imboccatura e il tubo. L'imboccatura, lunga 4 cm, è realizzata con una canna privata del rivestimento esterno. Il tubo di bambù, lungo da 20 a 25 cm, con un diametro di circa 1cm., reca sette cavità nella parte anteriore ed una in quella posteriore.

Il Bili si suona come la maggior parte degli strumenti a fiato, alzando il tubo e imboccando il fischietto, mentre la mano sinistra tocca il foro posteriore e tre dei fori anteriori e la destra gli altri quattro.

Il Bili sottile può essere di tre tipi, ossia alto, medio e doppio. Il tradizionale Bili alto origina un'unica tonalità, quindi sull'angolo superiore destro del sesto foro è stato aggiunto un forellino, permettendo al registro di raggiungere due ottave e mezza e il passaggio di tono. Il Bili medio ha funzioni simili al Bili alto, l'unica differenza è che il primo è più basso di un'ottava. In paragone ai primi due, il Bili doppio è realizzato affiancando due Bili della stessa lunghezza e suono, con due imboccature diverse. Si può suonare su un'unica imboccatura o su entrambe, emettendo note della stessa altezza. Inoltre il Bili doppio può suonare armoniche di tre, quattro e cinque gradi, con un suono più alto e bello del singolo, tuttavia la tecnica di interpretazione è piuttosto difficile.


Ascolto del motivo: "Canto rustico"