L’antico strumento a percussione Qing

2014-12-25 09:18:22    

L’antico strumento a percussione Qing

Il Qing è lo strumento musicale tradizionale più antico della Cina, con una forma semplice e grezza e una lavorazione raffinata. Dalla storia lunghissima, risale alla società matriarcale della remota antichità quando era chiamato anche “Shi” (pietra) o “Mingqiu”(globo sonoro). Allora l'umanità viveva di caccia e pesca e dopo il lavoro percuoteva delle lastre di pietra camuffandosi da animali selvatici e divertendosi con la danza. Questo tipo di lastre di pietra si trasformò gradualmente nello strumento a percussione Qing.

All'inizio questo era usato principalmente nei canti e danze in onore degli avi, in seguito fu usato insieme al carillon di campane nella musica rituale delle alte classi sociali in occasione di spedizioni militari e sacrifici.

In base alla sede di utilizzo e al metodo di percussione, il Qing può essere suddiviso in due tipi: Teqing e Bianqing. Il Teqing era suonato durante i sacrifici imperiali al cielo, alla terra e agli avi, mentre il Bianqing è un carillon di Qing appesi ad un sostegno di legno, usato per lo più nella musica di corte. All'epoca dei Regni Combattenti, circa 2000 anni fa, la tecnica di fabbricazione dei Bianqing di Chu aveva già raggiunto un alto livello.

Nell'agosto 1978 nel corso di scavi gli archeologi cinesi hanno trovato una tomba con una storia di più di 2400 anni, la tomba di Zenghouyi, a Leigudun, nel distretto di Sui, provincia del Hubei, da cui sono emersi più di 120 antichi strumenti musicali tipici della cultura di Chu, come carillon di campane, Bianqing, cetre, flauti di bambù verticali e tamburi, e una gran quantità di reperti. Il Bianqing emerso nella tomba di Zenghouyi comprende 32 lastre di pietra, appese con ordine su due piani a un sostegno in bronzo. Le lastre sono in calcare, pietra verde e giada, dalla tonalità chiara e melodiosa. Tuttavia la maggior parte era a pezzi quando è emersa, senza più poter emettere suoni. Nel 1980 il Museo della provincia del Hubei e l'Istituto di Fisica di Wuhan hanno riprodotto congiuntamente il Bianqing di Zenghouyi, con una sonorità fontamentalmente corrispondente a quella originale, melodiosa e piacevole all'ascolto.

Nel 1983 la Troupe di canto e danza della provincia del Hubei ha creato un carillon di Bianqing di pietra formato da 32 elementi con un temperamento fisso di 12 toni. Nel settembre 1984 la Fabbrica di strumenti musicali tradizionali e la Fabbrica di sculture di giada di Suzhou hanno fabbricato un raffinato Bianqing di 18 elementi di giada verde.

Ascolto del motivo: “ Poesia dei rami di bambù ”, interpretato con una riproduzione del Bianqing di Zenghouyi.